La Spada del Capitano

Realizzata nel 2005, su progetto di Pier Galimberti, fa parte di quella serie di riproduzioni fedeli di oggetti realmente esistiti – e oggi ancora visibili – conservati tra musei diocesani, musei del duomo e camere del tesoro di mezza Europa. In questo caso parliamo della ben nota spada dell’imperatore Ottone III, oggi conservata presso il museo della cattedrale di Essen.

Il materiale iconografico manifesta un’evidente complessità decorativa: all’interno di una florida decorazione vegetale, sul fodero sono raffigurati sia rappresentazioni di animali che le figure dei santi Cosma e Damiano. Sulla parte posteriore del fodero è incisa l’iscrizione “GLADIVS CV[m] FVERVU[n]T DECOLLATI P[a]TRONI N[ost] RI”.

La lama presenta invece una damascatura ornamentale tipica del periodo carolingio.

foto (11)